home Metallurgia Trattamenti superficiali di protezione

Trattamenti superficiali di protezione

I trattamenti superficiali di protezione, includono una vasta gamma di processi industriali avanzati, che modificano la superficie di un prodotto semilavorato, per conferirgli una specifica proprietà di resistenza e/o durata nel tempo in condizioni ambientali estreme.

I vantaggi dei trattamenti superficiali, sono molteplici, ed oggi sempre più utilizzati, anche grazie alle nuove tecnologie, che ne facilitano la produzione, assicurando al cliente un risparmio sia in termini economici che per quanto riguarda la durata nel tempo e l’affidabilità dei componenti stessi.

I trattamenti superficiali di protezione, effettuati sui semilavorati il cui ambito di applicazione è particolarmente idoneo nella produzione di viti, bulloni, dadi e barre filettate (dovendo resistere all’assemblaggio di componenti e macchinari), garantiscono la resistenza all’invecchiamento, alla corrosione, agli agenti atmosferici e termici, riducendo inoltre l’attrito di scorrimento per parti in contatto fra loro.
Questi trattamenti permettono di risparmiare nel tempo, energia e denaro, conferendo ai prodotti finali, elevata robustezza in ambienti ostili.

I prodotti realizzati con materiali selezionati, come leghe metalliche, acciai al carbonio, acciai inossidabili, acciai bassolegati o acciai martensitici, vengono sottoposti a trattamenti superficiali differenti a seconda della richiesta del mercato, e del loro utilizzo, rispettando rigidamente le normative vigenti nel settore di riferimento.

I trattamenti conferiscono alta resistenza a particolari condizioni di stress, come elevata salinità, particolari sostanze chimiche, e condizioni ambientali aggressive in genere.

Tipologie di trattamento

La zincatura è un processo attraverso il quale viene applicato un rivestimento protettivo di zinco, che limita la formazione di microcelle elettrostatiche ad azione anodica. La zincatura a caldo ha una capacità intrinseca di lunga durata senza manutenzione.

Lo zinco che si deposita sulla superficie dello strato di acciaio, si ossida in maniera costante nel tempo, generalmente si consuma nell’ordine di un micrometro all’anno, ma in ambienti molto inquinati si ossida il doppio. Resistente agli urti continui ed abrasioni, è una lega di ferro e zinco che forma una vera barriera protettiva.

La zincatura elettrolitica, dopo pre-sgrassamento, decapaggio e sgrassamento, per immersione in soluzione elettrolitica, garantisce una prestazione di tenuta ed una protezione per la corrosione, a basso impatto ambientale, versatile, sicura, e risulta avere una buona performance applicativa.

La copertura ceramica ha un’eccellente resistenza alla corrosione, un basso rischio di impattare sulla salute, un’elevata resistenza alla compressione, alle sostanze chimiche, ed è molto valida per l’incollaggio.

L’argentatura è un processo che consente di ottenere lucentezza e resistenza agli agenti corrosivi, garantisce una buona estetica e funzionalità.

Il Geomet è un processo utilizzato per gli elementi di fissaggio e per tutti i pezzi metallici, utilizza soluzione acquosa brevettata, attraverso l’immersione a spruzzo, rende le superfici duttili con capacità di adattamento e non soggette ad infragilimento.

La cadmiatura è un processo che garantisce anch’esso, resistenza agli agenti corrosivi, atmosferici, protegge soprattutto contro salsedine e pioggia.

La nichelatura è una copertura di adeguato spessore che migliora le superfici da trattare, donando resistenza del materiale a usura, conferendo durezza e una buona lucidatura.

Il processo zinco nichel ad elettrodeposizione, garantisce protezione elevata, resistenza alla sollecitazione termica, usura e corrosione, formando un rivestimento duro ma sottile ed uniforme.

La nichelatura non galvanica, senza utilizzo di corrente elettrica, nobilita la superficie, rendendola lucida e splendente, proteggendola da ruggine ed usura.

Fasi di esecuzione dei trattamenti superficiali

I trattamenti superficiali, pur essendo di diversi fra loro, prevedono tre stadi principali di lavorazione.

    • preparazione della superficie da trattare
    • trattamento specifico
    • finitura defintiva

Ogni prodotto, dopo il trattamento, viene poi sottoposto a prove di tipo sperimentale (durezza, trazione, impatto, corrosione, etc).

Per tutte le caratteristiche di cui beneficiano i prodotti che subiscono trattamenti superficiali, e per saperne di più, si possono consultare si ti internet di aziende specializzate nel settore.
Nello specifico per trattamenti superficiali nella produzione viti, consulta il seguente link: www.ipl-plus.it